Era bellissima

image

I bambini appena nati sono tutti delicati.

La pupa si chiama Ilenia.
Abbiamo festeggiato il battesimo di domenica, il 15 marzo. È stata una bella cenimonia, è stata una grande  emozione, tanta gioia e tanta felicità.

Ilena è la figlia di mia nipote Cristiana.
C’era un prete che ha celebrato la messa, il battesimo, ha messo l’acqua benedetta sulla fronte di mia nipote. Ilenia ha pianto tanto e soffriva un po’ e alla fine si è calmata.
Abbiamo fatto una foto, io Ilenia e i genitori.

Mi sono divertita tanto, con tanta gioia.

Antonella Blasi

Annunci

Festa del papà

19 Marzo è la festa del papà c’è la processione di San Giuseppe in chiesa si sente odore di incenso ed è bellissimo c’è tanta gente.
Si cucina frittelle e bignè fritti ed è vera leccornia.
La figura di mio papà è alto, occhi azzurri, sprigiona allegria e simpatia, è un giocherellone. Non ha capelli ed io stavo con lui bene e parlavo con dolcezza. Questo ricordo l’ho ancora e mi piace tenerlo dentro lo scrigno con gelosia. E’ un ricordo meraviglioso che mi piace di raccontarlo con felicità.

Stefanella Cimagalli

 

La famiglia Addams

image
La frase di Stefanella: quando sono tornata a casa sono andata a letto e prima di dormire ho cantato!

 

Siamo andati a vedere la famiglia Addams all’Auditorium Conciliazione. È un musical e c’è tanta musica.
La Famiglia Addams ha un carattere diverso perché un po’ fa paura, sono vestiti di nero ed è una casa di mostri che sta dentro un cimitero.

Gomez è il marito e Morticia è sua moglie.
Mercoledì è la figlia, Pugsley è il figlio maschio.
Il maggiordomo si chiama Lurch.
Lo zio Fester ha la zucca pelata.
C’è un personaggio che si chiama Mano, è staccata dal corpo e cammina come un cane .

La trama. Mercoledì è innamorata di questo ragazzo che si chiama Lucas, però la mamma Morticia non vuole che si sposano e Gomez ha paura della moglie perché comanda lei. Ma lo zio Fester li aiuta…

Ci è piaciuto tanto e ci siamo molto divertiti!

Antonella Blasi, Silvia Caputo
e con la partecipazione straordinaria di Valeria Tagliaferro

Mostra moderna

Alberto Burri, "Grande Sacco" 1952  Galleria nazionale d'arte moderna
Alberto Burri, “Grande Sacco” 1952, Galleria nazionale d’arte moderna

Ho visto la mostra di quadri  moderni al museo dell’arte moderna ed era bellissimo. Ho scelto Bassi, Modigliani, il Gran Sacco mi è piaciuto moltissimo ed è pieno di  pathos. I pittori sono ottimi ed eccellenti.
La rassegna è grandiosa e ho guardato con vivo interesse sono andata a casa contenta e piena di commozione.

Giambattista Bassi, "Salita di Ariccia" 1820 Galleria nazionale d'arte moderna
Giambattista Bassi, “Salita di Ariccia” 1820, Galleria nazionale d’arte moderna

di Stefanella Cimagalli

Ricetta Tiramisù

tiramisu

Ingredienti:

6 uova

Caffè q.b.

400   gr savoiardi

120 gr  zucchero

Cacao in polvere

Procedimento:

Dividiamo i tuorli dagli albumi, montiamo entrambi.
Aggiungiamo mascarpone montiamo di nuovo aggiungendo lo zucchero fin che diventa una crema.
Nel frattempo prepariamo il caffè.
Copriamo il fondo della teglia con la crema e ci mettiamo i savoiardi imbevuti di caffè e continuiamo cosi,  uno strato di crema e  uno di biscotti.
L’ultimo strato si ricopre di cacao, lo mettiamo in frigo per 2 h ….. ed è pronto.

“mi sono divertita  tanto e il mio stomaco  ha detto mangiami!!!  Mi sono  divertita con le mie amiche a fare il tiramisù.”

di Stefanella Cimagalli

Papa Francesco

image

HA FATTO TANTE COSE BUONE E HA INSEGNATO CHE COSA E’ LA VITA.
HA COMPIUTO I VIAGGI PER DARE UNA PAROLA DI GIUSTIZIA, HA DETTO LA MESSA PER TUTTE LE PERSONE, L’ ANGELUS CHE E’ LA PREGHIERA ALLA FOLLA GREMITA IN PIAZZA, DARE UNA CAREZZA AI BAMBINI, LA PACE NEI POSTI CALDI DI GUERRA .
E’ DIVENTATO PAPA PRENDENDO IL NOME DI FRANCEScO, CON MOLTISSIMI VOTI E LA FUMATA BIANCA.
MI PIACE TANTO è PIENO DI VERVE E DI VITALITA ED è BELLO SENTIRE LE PAROLE PIENE DI DOLCEZZA.

di Stefanella Cimagalli

Garbatella, il mio quartiere

image

Abitavo a Garbatella quando ero più giovane con i miei genitori. Vecchi tempi!

Andavo sempre in giro da sola perché conosco il quartiere.

Ai vecchi tempi lavoravo. Ero impiegata all’ospedale CTO. Piegavo le lenzuola federe e asciugamani.

Andavo al giardino di fronte al palazzo dove abitavo io, via delle Sette Chiese. Stavo insieme agli altri, giocavo a pallone, chiacchieravo con gli amici. Andavo alla chiesa, facevo il boy scout.

Mi piaceva tanto stare a Garbatella, perché c’era tanta gente che conoscevo.

Antonella Blasi